10 lezioni per il successo nella vita direttamente da Marco Aurelio

Ecco come l'intelligenza artificiale migliora ROI e vendite


L’intelligenza artificiale è la nuova parola chiave del Marketing strategico. Grazie ad essa e alla tecnologia del Machine Learning (sempre più accessibile a tutte le aziende) è possibile analizzare i BIG DATA per ottenere importanti informazioni sui clienti, trend e formulare previsioni strategiche che impattano positivamente su tutte le attività di marketing, vendite, customer care, comunicazione digitale, acquisti, spedizioni, ecc.

Successo o fallimento: passa tutto dall'analisi dei dati

E’ l’analisi dei dati il fattore più determinante per il successo o il fallimento di una campagna marketing o il lancio di un nuovo prodotto. Le aziende si affidano troppo spesso e quasi esclusivamente al fattore estetico / creativo nel prendere decisioni su una campagna, tralasciando un punto fondamentale: i dati. Oggi, il livello di analisi è mille volte più potente e specifico rispetto a quello svolto dieci anni fa. Grazie al Machine Learning, oggi le macchine sono in grado di imparare dai dati senza essere programmate per farlo, e sono facilmente adattabili a ogni situazione. I BIG DATA non sono più masse incomprensibili di informazioni, diventano invece flussi di informazioni che aiutano a: capire i comportamenti dei clienti ed i trend, creare flussi di comunicazione verso i clienti in tempo reale, migliorare il ROI delle campagne, personalizzare ogni singola attività, proporre delle previsioni indicative.

Per far sì che un’azienda ottenga importanti benefici dai BIG DATA ha necessità di gestire al meglio operazioni di data enrichment, ovvero processi specifici attuati al fine di validare, integrare e migliorare i dati grezzi e le informazioni presenti nei database aziendali e renderli dati arricchiti / dati utilizzabili strategicamente. Grazie all’arricchimento dei dati è possibile correggere errori, unificare i dati per operazioni di confronto che possono riguardare canali di vendita diversi ma anche sistemi gestionali diversi. Inoltre, è possibile integrare i dati già in possesso con altri provenienti da database esterni. Tutto in modo abbastanza semplice e automatico.

La massa di informazioni viene digerita da software in grado di acquisire i dati e creare relazioni tra di loro per poi portare ad esempio a:

  • Previsioni del comportamento del cliente, calcolati sulla base del comportamento di acquisto
  • Previsioni di acquisto dei top-customers
  • Previsioni relative ai potenziali clienti (lead)
  • Previsioni sui clienti a rischio 
  • Previsioni di successo di una precisa campagna
  • Previsioni sul livello di engagement di una particolare comunicazione
  • Indicazioni sui nuovi servizi da implementare (identificati dai clienti come i più necessari)
  • Indicazioni su quali sono i target per un nuovo prodotto
  • Ecc.


 Come utilizzare al meglio i dati aziendali che già possediamo?

Sono decine di migliaia i dati che ogni azienda possiede già all’interno dei propri database. La questione è sempre la medesima: come unificarli? Come strutturarli e trasformarli in dati realmente utilizzabili? Se in azienda non si hanno degli specialisti che possono gestire professionalmente i BIG DATA, merita sicuramente affidarsi ad aziende come Big Profiles specializzate in data enrichment che grazie a software di marketing intelligence sono in grado di arricchire database e CRM con informazioni dettagliate su persone, aziende, aree, linee di prodotto e molto altro, creando indicatori che permettono di studiare il comportamento d’acquisto, potenziare le analisi quantitative e sviluppare strategie indirizzate a migliorare: ROI (ritorno sugli investimenti) delle campagne, performance delle attività di vendita, risparmio sui costi di marketing e customer care.


L’utilizzo di tecnologie all’avanguardia di arricchimento dati e di intelligenza artificiale offre un supporto vincente per i reparti Marketing, Vendite, Customer Care e CRM della tua azienda. Li aiuta nel raggiungimento dei propri obiettivi: segmentazione in modo efficace dei consumatori, strutturazione delle informazioni, individuazione dei cluster a più alta propensione di acquisto, individuazione delle attività di supporto e customer care più performanti, ecc. Il beneficio sarà immediato, perché l'analisi dei dati ricopre già oggi e lo farà sempre di più, il ruolo strategico per migliorare: le vendite, il post-vendita e la fiducia che il cliente ha verso un marchio.


LinkedIn: simoneserni
Facebook: MediaMktgItalia
SlideShare: simsern 
Twitter: MediaMktgIT

Commenti