10 lezioni per il successo nella vita direttamente da Marco Aurelio

Gli 8 benefici della multiculturalità a lavoro e nella vita


Ti sei accorto che la globalizzazione sta portando una reale trasformazione anche nel mondo del lavoro?

Globalizzazione >> Scambio di culture >> Multiculturalità

Se pensi che la globalizzazione sia un cancro da estirpare, mi dispiace, ti accorgerai presto di aver torto. Se hai figli o nipoti ti puoi rendere conto che vivono già in contesti multiculturali, a scuola, nello sport, tra amici. I diversi siamo noi. La multiculturalità è qualcosa che esiste già e deve solo essere compresa meglio, apprezzata e gestita come fonte di progresso e opportunità di crescita, anche economica.

Qui sotto vengono descritti e poi spiegati gli 8 sorprendenti vantaggi che la multiculturalità porta all'interno di una comunità, un paese, un'azienda:
  1. Aumento della produttività
  2. Miglioramento della creatività
  3. Aumento dei profitti
  4. Miglioramento del coinvolgimento dei dipendenti
  5. Riduzione del turnover dei dipendenti
  6. Miglioramento della reputazione aziendale
  7. Più ampia gamma di competenze
  8. Migliora la comprensione culturale

Che cos'è la multiculturalità sul posto di lavoro?

La multiculturalità sul posto di lavoro significa co-presenza di persone provenienti da paesi e background diversi. L'azienda illuminata non deve limitarsi a farli lavorare insieme, ma a far sì che vi sia unione e completa collaborazione. Che l'uno influenzi l'altro e viceversa, con l'obiettivo di creare uno o più "team di lavoro" coesi.
Ognuno deve conoscere ed accettare la cultura dell'altro, ogni singolo diventa così elemento di arricchimento intellettuale dell'intero gruppo.

1 - La diversità culturale può migliorare i livelli di produttività

La multiculturalità in azienda può diventare un elemento determinante per migliorare la performance personale e quella di gruppo. La diversità mette insieme talenti diversi, che lavorano insieme per raggiungere un obiettivo comune utilizzando diverse tipologie di competenze.

Nella ricerca The economic value of cultural diversity: evidence from US cities, gli autori concludono affermando che la multiculturalità ha un effetto positivo anche sulla produttività: "un ambiente urbano più multiculturale rende i cittadini nati negli Stati Uniti più produttivi".


I dipendenti hanno l'opportunità di imparare da culture ed esperienze diverse dalle loro, un modo diverso di pensare, di approcciarsi al problema e trovare nuove soluzioni. Diverse prospettive di vita portano a diverse prospettive di risoluzione dei problemi. Un ambiente di lavoro che combina dipendenti di diversa provenienza, etnia ed esperienze, crea un ambiente più produttivo.

2 - La diversità culturale può aumentare la creatività

Un altro vantaggio della diversità culturale sul posto di lavoro è l'aumento della creatività tra i team e la capacità di avere una serie più diversificata di soluzioni a problemi specifici.

In un articolo pubblicato su Forbes viene spiegata una ricerca svolta su "creatività e innovazione collegati alla multiculturalità" e i risultati sono lampanti: l'esposizione di individui a esperienze con molteplici prospettive e diverse visioni del mondo portano ad una combinazione vincente, alla nascita di nuove idee.

Le aziende che incoraggiano la diversità sul posto di lavoro ispirano i loro dipendenti a lavorare al meglio delle loro capacità.

Tante menti diverse che si incontrano e lavorano insieme, moltiplicano le soluzioni. Modalità diverse di operare, risolvere problemi e prendere decisioni.

3 - La diversità culturale può aumentare i profitti

Un'indagine di anni fa condotta dal Center for Talent Innovation ha rilevato che il 48% delle aziende statunitensi con maggiore diversità a livello di senior management ha migliorato la propria quota di mercato rispetto all'anno precedente, mentre solo il 33% delle aziende con un management meno diversificato ha registrato una crescita simile.

L'aumento di esportazioni e collaborazioni con paesi esteri sta portando alla luce sempre più la necessità di dipendenti madrelingua. L'inglese viene parlato da tutti, è vero. Ma quando si fanno affari importanti, saper parlare la lingua dell'interlocutore fa la differenza. Basta pensare a Cina, Giappone, Paesi Arabi, ecc. I madrelingua non solo parlano perfettamente ma soprattutto conoscono la cultura. E possono dare importanti suggerimenti su cosa è giusto o non è giusto fare durante, ad esempio, un semplice meeting.


4 - La diversità culturale può migliorare il coinvolgimento dei dipendenti

Che un'azienda sia piccola o grande, può sfruttare la diversità culturale proprio per intensificare incontri, eventi o semplici coffee break o pause pranzo in cui la diversità culturale diventa il giusto pretesto per lavorare al rafforzamento dell'unità di un team di lavoro o di un'intera linea di produzione. Più cose si imparano sugli altri colleghi e più (di solito) ci fidiamo di loro. Più ci fidiamo e maggiore sarà il livello di coinvolgimento anche emotivo sul/nel lavoro che svolgiamo.

L'aumento del coinvolgimento è strettamente collegato alla crescita di motivazione nei dipendenti. Lavorare uniti porta miglioramento a tutto l'ambiente di lavoro.

5 - La diversità culturale può ridurre il turnover dei dipendenti

Un'azienda che abbraccia la diversità culturale attira di solito un più ampio bacino di candidati. Maggiori candidati significa avere più opportunità di trovare la persona giusta per il posto vacante, e di solito anche la persona con le corrette competenze.

Chi sa fare bene il proprio lavoro è mediamente molto contento di lavorare e rimane più a lungo in azienda. Inoltre, è meno soggetto a ricercare nuove opportunità (magari proprio in aziende concorrenti). Le aziende che reclutano candidati da gruppi eterogenei trovano mediamente lavoratori più qualificati e più fedeli. Maggiore fedeltà verso l'azienda significa anche minori problemi, minori dissidi, minori spese e un basso tasso di turnover (ovvero di personale che fugge).

6 -La diversità culturale si riflette positivamente sulla reputazione

Le aziende che assumono persone provenienti da culture diverse, generalmente si guadagnano un'ottima reputazione sia agli occhi dei dipendenti, ma anche della comunità intera (stakeholder e autorità compresi).

Ma cosa ancora più strategica, la multiculturalità può essere molto ben apprezzata anche dai clienti, perché ad esempio possono parlare con qualcuno che parla la loro lingua, qualcuno con cui non parlare solo esclusivamente di numeri e interessi economici ma anche di sport, famiglia, paese di provenienza. La multiculturalità crea legami più forti.

La multiculturalità permette ad un'azienda di fornire mediamente servizi di più alto livello verso: clienti, fornitori, stakeholders, ecc.

7 - La diversità culturale rende l'azienda pronta al cambiamento

Le aziende che abbracciano la diversità culturale acquisiscono automaticamente un elemento cruciale per la permanenza sul mercato: adattabilità al cambiamento.

Essere pronti alle diversità culturali spinge le persone ad adattarsi a nuove forme di essere, nuove idee e processi. Pian piano è l'intera azienda che si abitua a reagire positivamente alle trasformazioni e quindi anche ai repentini cambiamenti del mercato (economici, culturali, generazionali, normativi, ecc.).

Se si viene abituati al cambiamento, non lo si soffre quando esso arriva. Anzi è possibile cavalcarlo e trasformarlo in opportunità. Nuove scelte, nuovi prodotti, nuovi servizi.

8 - La diversità culturale migliora la comprensione del mondo e riduce il razzismo

Infine, è importante ricordare che la cooperazione tra persone di diverse culture porta un abbassamento del livello di scontri e conflitti. Più si vive con persone diverse da noi e più le si capisce. Esse diventano pian piano parte di noi e noi di loro. Il miglior modo di evitare guerre e incomprensioni è conoscere gli altri e renderli partecipi della nostra vita.

Insegnare la multiculturalità e creare processi per facilitarla all'interno di aziende e comunità è il miglior regalo che possiamo fare ai nostri figli e nipoti.


LinkedIn: simoneserni
Twitter: MediaMktgIT
Facebook: MediaMktgItalia
SlideShare: simsern 

Commenti