10 lezioni per il successo nella vita direttamente da Marco Aurelio

Come trasformare il Ristorante dell’hotel in uno strumento di successo e posizionamento

In TV, Web, Social e mondo dell'editoria si potrebbe dire che Food is king. Il cibo è il re. Ma il successo comunicativo del settore culinario può veramente trasformare un Ristorante di Hotel in uno strumento di successo, visibilità e posizionamento?

E' arrivato il momento di mettere a frutto tutte le sue potenzialità. Con un ristorante interno ogni hotel può davvero fare la differenza, a partire da un buon cross-selling rivolto agli ospiti quando arrivano in struttura.


Per fare in modo che il ristorante diventi uno strumento di revenue però è importante tenere presente una cosa: dovete curare la brand reputation del ristorante tanto quanto quella dell’hotel, altrimenti sarà difficile attirare l’attenzione degli amanti del buon cibo e dei magazine di food online.

La qualità è il primo passo. Una volta costruita una solida reputazione per il ristorante perché propone prodotti di ottima qualità ed ha un buon servizio è possibile strutturare una buona strategia per farne aumentare visibilità e profitti. Vediamo come in 6 possibili punti:

Aprite le porte agli esterni

Spesso si dà per scontato che il ristorante sia soprattutto a disposizione degli ospiti ma farsi un nome e conquistare una clientela esterna può fare la differenza in termini di revenue. Se siete disposti a investire nella qualità della cucina e in visibilità, aprire agli esterni vi ripagherà. Per questo è importante dare una forte impronta al ristorante.

Differenziare l’offerta

A vendere a meno sono bravi tutti, dice qualcuno. Più difficile invece è puntare sulla diversità e l’unicità dell’offerta. Inventatevi pacchetti esclusivi e disponibili solo sul vostro sito che comprendano la cena o addirittura create dei menu degustazione a prezzi fissi acquistabili direttamente dal booking engine. Chi viaggia per un weekend o pochi giorni, apprezza questo tipo di servizio. Ancora meglio se inserite piatti speciali come gluten-free, vegani e vegetariani, che possono attirare una clientela di nicchia molto attenta all’offerta enogastronomica. Tra le possibilità offerte dal ristorante per diversificare l’offerta ci sono le lezioni di cucina con lo chef: una cosa molto richiesta, specie in territori dove l’enogastronomia è un po’ una bandiera.

Blogger e influencer di settore offrono un’ottima visibilità

Se volete che il vostro ristorante diventi un punto di riferimento, dovrete investire in visibilità. Una buona idea è collaborare con influencer e blogger di settore scelti in linea con la tipologia di ristorante, in particolar modo nella fase di lancio. Oltre alla recensione con foto originali, anche un link che viene da questi blog non guasta per aiutare il posizionamento.


Organizzate eventi e cena a tema per fare PR

Un ottimo modo per guadagnare visibilità e link in modo naturale e senza spese, è organizzare nel ristorante serate particolari, cene a tema, presentazioni di libri o show cooking.

Preparate una bella cartella stampa

Un altro modo per farsi conoscere senza troppe spese è quella di contattare le testate online, locali o nazionali, inviando una cartella stampa. Se non avete un ufficio stampa, potete sempre chiedere alla vostra agenzia web di darvi una mano, realizzando un comunicato ben fatto e aggiungendo un bel servizio fotografico dei piatti. Ci sono testate molto ben posizionate che saranno felici di parlare di voi senza richiedere nessun costo se i contenuti e la qualità sono accertati.

Curate l’immagine sui social, su Google e sui siti di recensioni

Le immagini legate al cibo sono tra le più apprezzate e ricondivise in rete, quindi assicuratevi di avere delle pagine social ben curate e ricche di immagini invitanti, soprattutto su Instagram. Ma non dimenticate il resto: gestite con attenzione le recensioni su TripAdvisor e quelle su Google e rivendicate la pagina di Google My Business.

Fonte: Bookingblog.com

+simoneserni | Google+
Follow me on: Google+: +Simone Serni   
Twitter: MediaMktgIT
Facebook: MediaMktgItalia
LinkedIn: simoneserni
SlideShare: simsern 

Commenti