10 lezioni per il successo nella vita direttamente da Marco Aurelio

Dodici consigli per Email Marketing di successo




Cerchi il giusto modo per attirare l'attenzione di clienti e leads? L'email marketing rimane ancora oggi uno dei principali strumenti per: attirare, informare, nutrire, fidelizzare. Vediamo come, grazie ai dodici consigli per creare piani di email marketing di successo e sviluppare campagne newsletter accattivanti.

I 12 consigli

Segui questi consigli per raggiungere il tuo pubblico ed analizzarne attività e desideri.

#1 - Pre-analisi e obiettivi

Prima di tutto è necessario capire con precisione quali sono i tuoi obiettivi: "pianifico una strategia di email marketing per informare e nutrire/arricchire con approfondimenti i miei clienti storici", oppure perché "voglio trovare nuovi clienti sfruttando leads provenienti da Fiere, Eventi, DB, ecc.". Da questa analisi deve scaturire l'intero Piano Email Marketing e tutti i successivi step (vedi qui sotto).

#2 - Scegli la corretta Piattaforma Email Marketing

Non credere al fatto che qualsiasi piattaforma vada bene. Dal mio punto di vista non è più remunerativo nemmeno la piattaforma "artigianale" che la software house locale ti offre a costo quasi zero. Se utilizzi una Piattaforma professionale avrai maggiori probabilità di ottenere successo nel lungo periodo, ecco un interessante articolo di Antevenio sulle piattaforme per inviare mail e newsletter.

Due benefici su tutti:
  • La tua newsletter non finirà in black-list (bloccata dai provider) e i tuoi messaggi verranno sempre consegnati. Mentre il rischio "spam" è molto alto se utilizzi un Sender-email presente su un tuo server aziendale o quello di una Software House/Agenzia di Comunicazione locale.
  • Una Piattaforma professionale offre strumenti di creazione, gestione e analisi che ti permetteranno di migliorare i tuoi risultati invio dopo invio ed anche l'interazione con l'utente.


#3 - Attenzione all’oggetto dell'email

Se vuoi aumentare al massimo l'indice di apertura dei tuoi messaggi devi fare grande attenzione all'oggetto delle tue newsletter. Scegli frasi brevi: circa 40-45 caratteri. Parole di forte significato: chiare, persuasive, che sappiano attirare e spiegare i benefici, risolvere il problema, ecc. Non utilizzare mai parole come: sconto, prezzo, novità, promozione. Non inserire parole in MAIUSCOLO. Non inserire caratteri speciali come: punto esclamativo (!) o interrogativo (?), percentuale (%) oppure il segno dell'Euro (€), rischi che i tuoi messaggi vengano identificati come "spam".


#4 - Scegli con cura il mittente

Se ci fai caso, negli ultimi anni si ricevono molte newsletter con mittente "nome di persona fisica", es. Angela, Pietro, ecc. In quei casi l'esclusione del nome aziendale come mittente è voluta; proprio per aggirare i sempre più "intelligenti" e vigili anti-spam dei Provider. Dipende tutto dalla quantità di newsletter che hai intenzione di inviare ed anche dalla loro tipologia. Forse un buon compromesso potrebbe essere: mantenere le newsletter corporate con mittente nome-azienda, mentre inviare newsletter di prodotto/verticali/o promozionali con precisi nomi riconducibili al personale responsabile che, magari, offre anche supporto post-vendita.

#5 - Individua il tuo Target e scegli il giusto "tono"

Tra i punti decisivi di una buona strategia marketing c'è l'individuazione del "target di riferimento". Capire con chi parli è determinante! E' necessario per utilizzare le giuste parole e proporre il corretto approccio. I messaggi troppo aggressivi o perentori potrebbero influenzare negativamente la tua campagna. Devi saper modificare il tuo "tono" di voce e la modalità comunicativa in base al target e alle cosiddette "buyer personas". L'obiettivo è quello di far sentire il tuo pubblico parte di ciò che fa o vende la tua azienda. Mai essere troppo pressanti.

Inoltre, ricorda che "LESS IS MORE", in molti casi "meno dici con parole chiare, più ottieni".

#6 - Fornisci una chiara "call-to-action"

L'invito all'azione non deve mai mancare. Qualsiasi tipo di comunicazione marketing tu stia erogando, deve sempre dare la possibilità all'utente di "fare un'azione". Clicca qui per approfondire sul sito web, ottieni un coupon, ottieni un'offerta, ricevi un regalo, procedi con l'acquisto, ricevi il whitepaper, ecc. Puoi far compiere un'azione all'utente perché questo ti consentirà di ottenere dati strategici da analizzare: comprendere cosa ha deciso di fare, cosa ha scelto, in quali pagine web si è spostato successivamente, ecc. (dati Analytics).

#7 - Scegli i giusti contenuti

Dopo aver scelto l'obiettivo e la tipologia di campagna, dovrai iniziare a creare un grande quantitativo di contenuti. I contenuti sono l'anima stessa dei tuoi messaggi. Se questi sono scarsi, lo saranno anche i tuoi successi. Ricorda che tutti noi veniamo inondati quotidianamente da centinaia di contenuti gratuiti. Dovrai quindi creare veri contenuti interessanti (magari innovativi, che nessun tuo concorrente ha mai fatto). Esistono innumerevoli tipi di contenuto, ma video, gif animate, whitepaper e infografiche ottengono sempre molto successo, come anche i coupon di sconto (tutto dipende dal tuo settore di riferimento).

#8 - Personalizza e targhetizza i tuoi messaggi

Le Piattaforme professionali hanno software che non solo consentono di creare messaggi differenziati in base al destinatario ma anche di proporgli invii di newsletter diverse tenendo conto delle sue scelte/azioni precedenti. La personalizzazione va oltre i segmenti di sesso, area geografica, interessi e storico acquisti, coinvolge l'utente perché tiene conto di ciò che ha cliccato/scelto oppure di come ha reagito ad un test A/B.

#9 - Offri benefici concreti

Se vuoi che gli utenti aprano le tue newsletter, devi offrirgli dei benefici concreti. Un valore aggiunto che riesca a stimolare il loro interesse: inviti ad eventi, e-book gratuiti, video a puntate, quiz con premi, ecc. Le idee possono essere infinite, l'importante è tenere sempre ben in mente il tuo target, le tue buyer personas.

#10 - Responsive first!

La maggior parte dei tuoi clienti apriranno i tuoi messaggi con tablet e telefonino, quindi, qualsiasi tipo di Piattaforma utilizzerai (per la creazione delle tue newsletter) dai priorità al mobile responsive. I tuoi messaggi dovranno essere perfettamente visibili sia da computer che da smartphone o tablet, così anche i contenuti e le pagine web a cui li vorrai far atterrare.

#11 - Guarda e impara

Benchmarking è una delle parole d'ordine nella strategia marketing e significa: fare analisi e confronto della concorrenza. Guarda e impara dai grandi brand e dai competitors, dai quali puoi carpire elementi importantissimi, soprattutto nella scelta del "tipo di messaggio", "tono", "contenuti", "call-to-action". Guardare non significa copiare, dovrai crearti un tuo format, con tue idee e contenuti originali.

#12 - Tieni d'occhio i KPI e re-sintonizza!

Una Piattaforma di email marketing professionale offre importantissimi dati di riscontro o KPI (Key Performance Indicator) che non solo ti daranno modo di capire cosa sta funzionando e cosa no, ma soprattutto di fare azioni di tuning (re-sintonizzazione) modificando la grafica, le parole utilizzate e i contenuti in corso d'opera in base a ciò che gli utenti preferiscono. Non solo, la nuova frontiera è cercare di conoscere il cliente anche nei suoi hobby o interessi, magari grazie al suo profilo FB o LinkedIn. Ciò ti consentirebbe di proporgli immagini, video e offerte molto più in linea con ciò che segue.

I 12 consigli sono terminati. Ti senti pronto per promuovere correttamente una campagna di email marketing con newsletter accattivanti?

+simoneserni | Google+
Follow me on: Google+: +Simone Serni   
Twitter: MediaMktgIT
Facebook: MediaMktgItalia
LinkedIn: simoneserni
SlideShare: simsern