Latest Posts:


Importanza delle "digital skills" per il nostro futuro


Nei luoghi di lavoro moderni e futuri, le competenze "digitali" (digital skills) diverranno elemento di grande valore, probabilmente indispensabile per l'assunzione.

L'ambito digitale sta invadendo la nostra società ed ogni nostra più piccola azione quotidiana: dalla lettura dei giornali su tablet alla domotica, dalla rivoluzione industriale definita Industry 4.0 all'utilizzo di software ad hoc per qualsiasi singola attività di gestione aziendale e non solo. 

Tecnologia, condivisione, connessione digitale 

Le riunioni vengono svolte in video-chat, computer e tablet sono gli strumenti base presenti in ogni ufficio, con cui lavorare e gestire attività, progetti e idee. 

Il mondo digitale si sta espandendo, sta entrando nelle nostre vite private e professionali e... non possiamo fare niente per fermarlo. L'unico modo per vincerlo è: farlo nostro, ovvero conoscerlo e renderlo parte integrante delle nostre capacità.

I nostri nonni hanno dovuto imparare ad utilizzare telefono, luce elettrica, elettrodomestici e televisione. Per noi forse sarà un po' più difficile: dovremo imparare software. Ma possiamo farcela!

L'unico modo per vincere il digitale è: farlo proprio!   --  CLICK TO TWEET 

Le competenze digitali a lavoro stanno diventando sempre più necessarie e richieste. Diventa complicato formare in poco tempo un infermiere, un tecnico o un impiegato sull'ABC tecnologico.

Il 94% degli over 50 che cercano lavoro riconoscono la rilevanza delle competenze digitali, ma appena il 14% ha fatto dei corsi di aggiornamento negli ultimi due o tre anni.    --  CLICK TO TWEET 

Si tende a parlare del "digital" solo in riferimento ai più giovani, ma sono gli attuali 40enni ad essere maggiormente colpiti dall'analfabetizzazione digitale.



L’Unione Europea, stima che entro il 2020 saranno 900 mila i posti di lavoro vacanti proprio per la carenza di competenze digitali; già oggi circa il 40% della forza lavoro in Europa non possiede adeguate competenze digitali e il 14% non ne è provvisto.

Gli "analfabeti digitali"


I lavoratori che non hanno dimestichezza con l'utilizzo di device tecnologici e software ritenuti "necessari" per lavorare vengono definiti come: analfabeti digitali.

Vuoi sentirti definire analfabeta anche se sei laureato? Penso proprio di no!

Allora, inizia a prendere il mondo digitale come un qualcosa di veramente serio. Non è importante se la tua conoscenza digital passi dalla passione per i videogames o perché ami modificare con Photoshop le tue fotografie. Tutto è valido, tutto è importante.

Ma ricorda, il semplice "saper utilizzare" non basta.


Serve conoscere a fondo i programmi (software), almeno quelli definiti come necessari per uno specifico lavoro. Questi possono variare di molto:

- pacchetto Office (Word, PowerPoint, Excel)
- gestione posta elettronica
- CRM e Gestionale aziendale
- SAP
- CMS (gestione siti web)
- pacchetto Adobe (Photoshop, Illustrator, InDesign, ecc.)
- linguaggi per lo sviluppo HTML, XLM, Java, ecc.
- e molto altro

Cosa dice la Comunità Europea


In questa infografica della Commissione Europea vengono messe in luce le competenze (skills) più importanti suddivise per tre macro-gruppi:

- giovani
- lavoratori
- anziani
Clicca qui per ingrandire l'infografica
Digital skills we need for our future job

Per i giovani

E' vero che il 95% di loro (16-24 anni) utilizza Internet quotidianamente, ma la scuola non offre a loro un adeguato approfondimento. Inoltre, dovremmo iniziare a riconsiderare il curriculum integrandolo con competenze digital professionali. 

Serve inoltre che la scuola spinga più giovani (in particolar modo le donne) ad intraprendere indirizzi scolastici ICT, scienze, matematica.


Per i lavoratori

Esiste una costante domanda di Professionisti ICT nelle aziende europee (circa 3% annuo) su ogni settore in modo trasversale. 

Le aziende hanno problemi di analfabetismo digitale, il 32% dei lavoratori europei ha basse o zero competenze digitali. Il 15% dei lavoratori europei non ha mai usato Internet.

Serve formazione e supporto da offrire ai disoccupati attuali per indirizzarli verso carriere del mondo digitale.

Per gli anziani

Chiunque ha la necessità di diventare "digitale", anche le persone non più giovani. Entro il 2060 1 europeo su 3 avrà oltre 65 anni e la maggior parte delle attività quotidiane che dovrà svolgere saranno digitali (Banca, Pubblica Amministrazione, Posta, Assicurazioni, ecc.).

Il 53% delle persone anziane attuali in Europa non ha mai utilizzato Internet.

La maggior parte dei servizi pubblici in Europa sono già digitali ma solo il 23% degli anziani accedono online.

Fonti: Eun.org infografica, Key4biz


+simoneserni | Google+
Follow me on: Google+: +Simone Serni   
Twitter: MediaMktgIT
Facebook: MediaMktgItalia
LinkedIn: simoneserni
SlideShare: simsern

Google+ LinkedIn

About Simone Serni

Fondatore di Social Media Marketing Italia svolge attività di docenza corsi e consulenza su: Digital Marketing, Brand Building, Motivazione, Leadership, Personal Branding.