Latest Posts:


Guida agli hashtag che NON devi utilizzare su Instagram

Alcuni giorni fa un utente web vedendo un mio post Instagram, apparso in automatico sul mio streaming Twitter (automation marketing) mi ha inviato un messaggio proponendomi di aggiungere l'hashtag #Instagram per ottenere più visualizzazioni.


Io gli ho risposto: "Sai che Instagram penalizza l'uso di hashtag troppo generici?".  Quell'utente non si è più fatto vivo. Anzi, colgo al volo l'occasione per ringraziarlo perché mi ha dato lo spunto per scrivere questo nuovo articolo.

Venir penalizzato per l'uso di hashtag generici
Instagram è sicuramente il Social Network del momento, quello più "alla moda" e popolare. Senz’altro uno dei mezzi più interessanti per condividere fotografie e video, è lo strumento ideale per veicolare il brand aziendale e di prodotto

Hai mai cercato hashtag senza trovarli?
Sei mai stato penalizzato per aver usato troppi hashtag o hashtag troppo generici? No? Probabilmente ti è accaduto senza rendertene conto.

Ti sembrerà strano, ma su Instagram non tutto è permesso, molti hashtag non sono più accettati (come avveniva anche solo due anni fa). Molti non sono più ammessi. Prova a cercare #naked (nudo/a), non penso che tu riesca a trovare questo hashtag : ) 


Esistono hashtag bannati ormai da anni, ma devi sapere che Instagram, al suo interno ha degli specialisti che, in pratica, si occupano quasi esclusivamente di questo, cioè regolamentare l'uso degli hashtag e mese dopo mese ne aggiungono di nuovi alla fatidica "black list", per bannarli in tutto il mondo.

Hai mai utilizzato hashtag come #iphone#popular, #photography o #iphoneography? Male, devi sapere che, pur se apparentemente candidi e senza macchia, questi 4 amici sono stati bannati da Instagram. 

Il Motivo? Semplice, sono troppo generici, in passato erano anche troppo utilizzati ed parole povere, non aggiungono niente dal punto di vista descrittivo all’immagine/video postato, anzi vanno ad appesantire inutilmente ogni singolo post (quindi lo spazio sui server Instagram). 

Soluzione? Non usarli più.

Hashtag da evitare
Vuoi avere un'idea più completa di quali sono gli hashtag da non utilizzare più? Ecco una lista che può darti un'idea, ma ricorda, Instagram ne inserisce di nuovi ogni mese, quindi non basarti su ciò che ho scritto in questo post, basati sul buonsenso!

Hashtag relativi alla nudità e al sesso: gli hashtag come #naked (ma gli Igers hanno subito fatto nascere #naked2), #sexy, #curvy, #underwear, #lingerie, #nekkid, vengono censurati ed eliminati. Stessa cosa per hashtag volgari e che indicano parti del corpo sessuali, #breasts, #clit, #dick, #cock, #cleavage, #butt, #bubblebutt. 

Come si fa a bannare una ragazza così solo perchè ha inserito l'hashtag #curvy?  : )))))))


Hashtag razzisti e offensivi: sono stati bannati giustamente anche hashtag come #nigger, #niggers o offensivi come #whore (ma stranamente non è ancora stato bannato #bitch).

Hashtag legati alle droghe: come #weed, #marijuana e altri tipi di droghe.

Ti accorgerai che, molti di questi hashtag, in realtà, puoi ancora inserirli (forzano l'inserimento), ma devi sapere che per gli algoritmi del motore di ricerca non esistono, cioè se cercati dagli utenti non offrono nessun risultato. Quindi, puoi smettere di usarli. 

Da oggi in poi, rifletti bene prima di postare un'immagine o un video su Instagram, le tue strategie di Visual e Video Marketing potrebbero incorrere in declassamenti e non ottenere i risultati sperati. Scegli bene gli hashtag #. Rifletti a lungo prima di agire.

Una lista che riassume gli ultimi hashtag bannati e che fa capire quanto Instagram stia diventando severo:

#bang
#bra 
#lingerie
#underwear
#IG
#instagram
#ilovemyinstagram
#petite
#photography
#popular
#popularpage
#naked
#sex
#sexy
#shower
#wet
#curvy 

Infatti, se cerchi #sexy, #curvy o altri hashtag bannati su Instagram, il motore di ricerca ti suggerisce una lista di hashtag correlati (che contengono la parola) come ad esempio:


#sexybeast
#sexyfeet
#sexyboy
#sexymen
#sexyselfie

#curvygirl
#curvyfit
ecc.

Ecco altri hashtag bannati:

#RackCityBitch
#Bitchcanigetacosmo
#Bigbooty
#BigBootyhoe
#bobbysbitches
#Daddylove
#DuckDynastyBitch
#grindin
#jamesmotherfuckinfranco
#Kikmenow
#loseweight
#Poop
#Winterfuckoff

+simoneserni | Google+
Follow me on: Google+: +Simone Serni   
Twitter: MediaMktgIT
Facebook: MediaMktgItalia
LinkedIn: simoneserni
SlideShare: simsern

Google+ LinkedIn

About Simone Serni

Fondatore di Social Media Marketing Italia svolge attività di docenza corsi e consulenza su: Digital Marketing, Brand Building, Motivazione, Leadership, Personal Branding.