Latest Posts:


Il futuro del tuo lavoro: digital & social collaboration


Uno degli aspetti più importanti del lavoro odierno, e lo diventerà sempre di più, è la connessione tra business e conoscenza IT (tecnologica).

Il lavoro di oggi è sempre più connesso alla tecnologia, ogni singola attività è interconnessa all'uso di strumenti tecnologici per: attività operative, condivisione, gestione, monitoraggio. Per qualsiasi lavoro (anche per i più umili come il contadino o l'idraulico) servono conoscenze IT.

IL GAP
Si sta creando un GAP (vuoto) generazionale tra lavoratori e lavoro. La scuola riesce a colmarlo solo in parte. Lo sviluppo tecnologico galoppa ed i lavoratori devono rimanere al passo, devono capire che investire in aggiornamento significa sopravvivenza.

Oggi rimani al passo solo grazie a formazione e aggiornamento. La tecnologia corre più veloce di te, devi batterla con la testa.   --  CLICK TO TWEET 

CONOSCENZA IT
Vuoi lavorare ed affermarti nel lavoro? Come prima cosa, devi saper utilizzare device, software e applicazioni web. Non basta saper navigare online o saper scrivere un'email o un testo su Word. Dovrai saper gestire al meglio applicazioni su Tablet, gestire software CRM da portatile, magari saper analizzare l'andamento di un progetto grazie a funzioni Excel, da App o da applicazioni presenti su Cloud (non sai cos'è il Cloud?).

COLLABORAZIONE
Gli addetti ai lavori del mondo anglosassone ne sono convinti, nel futuro prossimo il lavoro troverà grandi opportunità di successo e sviluppo grazie alla "collaborazione". Questa collaborazione sarà in gran parte utilizzabile/accessibile attraverso l'uso di strumenti tecnologici.

Nello schema qui sotto, un'interessante immagine che raffigura gli elementi della moderna collaborazione in azienda: 


Se sei in cerca di lavoro o sei nel mondo del lavoro da non troppi anni: la tua unica fonte di salvezza si chiama Formazione.

Se non ti mantieni aggiornato su strumenti, applicazioni e necessità lavorative moderne rischierai pian piano di perdere appeal agli occhi dei tuoi superiori, che messi alle strette (pur se vostri amici) saranno costretti a preferire dei giovani perché più reattivi al cambiamento ed esperti di strumenti tecnologici. 

L'ESPERIENZA MI SALVERA'
Credici: l'esperienza ti salverà solo a metà e per un breve periodo, perché grazie alla tecnologia, ciò che tu consideri "esperienza/conoscenza" sarà acquisibile da un neolaureato utilizzando nuove strutture IT che consentono collaborazione a distanza.

Se vuoi sopravvivere e dare del filo da torcere a chi desidera prendere il tuo posto di lavoro, devi possedere una conoscenza IT almeno paritaria. Solo così ti salverai su possibili comparazioni e l'azienda continuerà a preferirti. 

DIGITAL COLLABORATION
E' largamente condivisa la teoria che l'evoluzione degli strumenti tecnologici punterà principalmente alla "collaborazione digitale". Ciò accadrà in modo trasversale, praticamente su ogni livello lavorativo (operai, manager, professionisti, CEO, consulenti, ecc.). 

Le aziende adotteranno sempre più strumenti collaborativi per consentire una migliore e più veloce gestione delle attività (in produzione, nella vendita, nelle decisioni strategiche, nella customer care, ecc.).


Un recente studio commissionato da AT&T (vai allo studio) ha rilevato che a dispetto del 79% di chi aveva risposto di credere che la buona collaborazione è fondamentale in azienda, oltre la metà di loro non la mette in opera.

E' un problema perlopiù mentale. E' chiaro che le persone conoscono quanto sia importante la collaborazione ma resta loro difficile metterla in pratica quotidianamente o la vivono passivamente.

Chi pensa che collaborando avvantaggia i colleghi, si costruisce la fossa da solo.
  --  CLICK TO TWEET 

La collaborazione digitale (non solo quella spontanea ma anche quella imposta dai vertici aziendali) sarà il principale canale lavorativo del prossimo futuro. Se non ci credi o non ti interessa, sappi che il tuo posto di lavoro è a rischio. Ed i proprietari di aziende o i lavoratori autonomi non ne saranno indenni, perché anch'essi dovranno saper gestire al meglio strumenti e canali di condivisione.



CONOSCERE I SOCIAL MEDIA
Chi pensa che i Social Media siano una perdita di tempo sbaglia di grosso. Dovrà ricredersi nei prossimi anni, quando Facebook, LinkedIn, Google, Twitter, WhatsApp o altri saranno il pernio principale per le relazioni di lavoro e questi stessi svilupperanno applicazioni ad hoc (gratuite o business) che offriranno tool di lavoro (per gestire le diverse attività, trovare nuovi clienti, gestire i progetti, monitorare a distanza, ecc.).

Solo chi saprà utilizzarli professionalmente potrà "dirigere" e verrà scelto per mansioni adeguate.

Mi vengono in mente due bellissimi proverbi nati dalla saggezza dei nostri avi, che ho spesso sentito citare da persone nate intorno alle due guerre mondiali:

Impara l'arte e mettila da parte.   --  CLICK TO TWEET 

Chi non sa fare, non sa comandare.  --  CLICK TO TWEET 

E' proprio così, maggiore è la tua conoscenza su più ambiti (arti) e maggiore sarà la possibilità di ottenere successo, e magari, grazie ad una di queste "arti" potrai farti valere, mettendo in mostra le tue capacità dirigenziali. Un buon responsabile offre le giuste direttive se quel lavoro lo ha già svolto e ne conosce pregi, difetti, difficoltà e opportunità.


In base al moderno approccio tecnologico-centrico (tech-centric), le collaborazioni passeranno attraverso attività gestite da software tool. Questo non significa la perdita delle relazioni umane, ed i Social Media ne sono un esempio funzionante.

Da quando utilizzo LinkedIn professionalmente sono riuscito a conoscere decine di CEO e Responsabili Marketing di aziende anche molto lontane (italiane ed estere). La distanza non sarà più un problema.

Sfortunatamente, le tattiche per saper creare e gestire al meglio le relazioni online possono essere un po' diverse da quelle finora utilizzate nell'approccio face-to-face. Prima di tutto serve essere esperti dei mezzi (software, App, Social Media, ecc.).

COME OTTENERE SUCCESSO NELLA "MODERN COLLABORATION"
Qui sotto sono elencate alcune chiavi-del-cambiamento che ognuno di noi dovrebbe possedere per facilitare il successo nel mondo del lavoro:
  • COLLABORA CON LA TUA AZIENDA apri la mente alle necessità aziendali. E' importante abituarsi a prendere meno in considerazione le nostre personali necessità per preferire quelle aziendali. Spesso è lo stesso impiegato a tagliarsi fuori dai giochi della carriera perché pone condizioni su cosa vuol fare o mette in difficoltà chi deve decidere.
  • TRATTA LA COLLABORAZIONE COME UNO TUO SKILL STRATEGICO preparati a supportare il cambiamento in azienda, aiuta e sarai aiutato. Diventa un promotore del cambiamento, sii sempre tra i primi ad informarti su: software, applicazioni, cambi nelle attività, cambi degli uffici, ecc. Partecipa attivamente, sii propositivo.
  • FORMATI E TIENITI AGGIORNATO fatti vedere come lo specialista del tuo ambito e molto preparato su più aspetti del business (trasversale). La maggior parte dei Dirigenti, prima di ingaggiare una risorsa sconosciuta riflette bene e valuta se può utilizzare un dipendente già presente in azienda per rivalutarlo nella nuova mansione. Se la tua azienda non spende soldi sulla formazione, sii previdente, spendi qualcosa su te stesso!!
  • EVITA LA PASSIVITA' non lasciarti andare, sii proattivo e fatti vedere pronto. Prima o poi arriverà il momento giusto, in cui sarai ricompensato. Troppo spesso sentiamo dire: "non ha senso impegnarsi perché tanto il mio capo non mi prende in considerazione". Forse sarà vero, ma... è sempre meglio farsi vedere attivi, umili e pronti a lavorare sodo, perché la Direzione potrebbe cambiare idea sul tuo capo, e da un giorno all'altro, mettere te al suo posto (ma accadrà solo se sarai onesto, responsabile e collaborativo).

L'aspetto "mobile" sta modificando sensibilmente l'esperienza di lavoro di tutti noi, gestiamo il lavoro via Tablet, utilizziamo i nostri cellulari come veri e propri computer. Utilizziamo sempre meno il PC e sempre più device portatili. Il mobile sta giocando un ruolo sempre più forte nella vita quotidiana delle aziende, dei privati e del business.

Gli addetti ai lavori si attendono una crescita esponenziale delle "micro-attività" quotidiane svolte via mobile, nello schema qui sotto vengono rappresentate con colore diverso le 5 diverse "ere della collaborazione lavorativa" distribuite su due assi: Tempo, Valore di business.


Nell'era attuale "Social Business" (dal 2009, colore bordeaux), la comunicazione è già Social (social email), la collaborazione avviene grazie a Suite di software, esistono Servizi per la collaborazione ai fini economici e gestionali e sono già presenti Network di Soluzioni Globali. Il lavoro è asincrono, uno-a-molti, deve contribuire all'effetto "network" aziendale, è integrabile con altre mansioni e scalabile in base alle necessità.

Fonti: ZDNet; ConstellationResearch

+simoneserni | Google+
Follow me on: Google+: +Simone Serni   
Twitter: MediaMktgIT
Facebook: MediaMktgItalia
LinkedIn: simoneserni
SlideShare: simsern 
Google+ LinkedIn

About Simone Serni

Fondatore di Social Media Marketing Italia svolge attività di docenza corsi e consulenza su: Digital Marketing, Brand Building, Motivazione, Leadership, Personal Branding.