Latest Posts:


Il potere del Content Marketing, come cambierà il Marketing nel futuro

Hai sicuramente sentito parlare del "content marketing" e probabilmente ti sei fatto un'idea di cosa può essere, ma lo conosci veramente?

futuro del marketing - social media marketing italia

Il Content Marketing Institute è una delle fonti più accreditate in merito ai temi riguardanti il Content Marketing nel mondo, e lo definisce come "la tecnica di marketing per la creazione e la distribuzione di contenuti di valore, misurabili, che consentono di attrarre e acquisire un target-clienti ben definito, con l'obiettivo di guidare azioni profittevoli".


ALCUNI NUMERI DEL CONTENT MARKETING

Le considerazioni ed i dati statistici pubblicati in questo articolo possono aiutarci a delineare meglio cosa sia e quanto sia importante il Content Marketing oggi, in un momento storico come quello attuale, in cui il marketing classico/tradizionale sta perdendo forza, e lascia sempre più spazio al tenace, veloce ed efficace Digital Marketing (all'interno del quale convivono nuove metodologie come: content marketing, article marketing, SEO, SEM, storytelling, visual marketing, ecc.).

a) Al 73% dei consumatori non interessa se il brand che stanno utilizzando possa sparire dalla loro vita nel prossimo futuro.

b) I consumatori non vedono la fedeltà ad un brand come un elemento di cui tener troppo conto. Si sentono liberi di cambiare brand, prodotto e servizi in base alle proprie necessità e convenienze.

c) I consumatori sono cambiati, sono molto più scaltri e attenti. Tendono a fare un confronto dei prodotti (grazie al web e al mobile) prima dell'acquisto.

d) "E' importante smettere di interrompere quello a cui le persone sono interessate ed iniziare ad essere quello di cui le persone si interessano" - Citazione di Craig Davis.

e) Viviamo in un mondo sempre più connesso (always on). Dove il mobile ha cambiato radicalmente le nostre abitutidi.

f) Il 90% delle interazioni giornaliere delle persone avviene attraverso l'uso di schermi digitali (smartphone, PC, tablet, televisione).

g) Il 38% delle interazioni giornaliere avvengono via smartphone. Gli smartphone ci tengono connessi lungo tutta la giornata.



h) Gli smartphone sono il punto di partenza per la stragrande maggioranza delle attività online. Il 65% delle ricerche di informazioni partono da smartphone, continuano su PC (60%) o continuano su tablet (4%).  

i) Il Computer è rimasto un device utilizzato per attività complesse (pianificazione di un viaggio, questioni amministrative, guardare video).

l) Mediamente utilizziamo più device nello stesso momento. Nel 81% dei casi è smartphone + TV.

m) Sono 7 le attività principali fatte in modalità simultanea: 60% emailing, 44% navigare internet, 42% usare i Social, 25% giochi online, 23% ricerca online, 15% documenti di lavoro, 9% guardare video.

n) In Italia, si contano oltre 600.000 condivisioni di contenuti al giorno. Facebook rimane al primo posto con 563.200 condivisioni, in seconda posizione Twitter con 27.200.

o) LinkedIn si rivela un social strategico per notizie e utenti del mondo business. Il 7,9% delle condivisioni degli articoli de Il Sole 24ore è prodotto in LinkedIn.

p) Sempre più italiani acquistano online. Tre acquirenti online su quattro (75,4%) hanno comprato in rete, utilizzando il canale web.

q) Il Content Marketing è tutto ciò che è rimasto del Marketing. - Citazione di Seth Godin 2008

r) Il 63% delle aziende dicono che pubblicare contenuti sui Social ha incrementato l'efficacia delle loro azioni marketing.

s) 6 utenti su 10 di Twitter e Facebook tendono a raccomandare un brand che seguono.

t) Le aziende con un Blog ottengono il 97% di traffico web in più.

u) Il 70% dei consumatori preferisce arrivare a conoscere un'azienda attraverso articoli (contenuti) piuttosto che attraverso pubblicità.

v) Il 78% dei Responsabili Marketing pensano che i "contenuti personalizzati" siano il vero futuro del marketing.

w) Il 72% dei Resp. Marketing pensano che i "contenuti brandizzati" siano più efficaci della pubblicità su magazine, e il 69% dice che sono superiori anche all'email marketing.

z) Il 95% dei Resp. Marketing di aziende B2B utilizzano il content marketing come strumento strategico.

Le aziende, oggi, hanno necessità di "umanizzare" i loro prodotti/servizi, e possono riuscirci solo attraverso la creazione di: stile, forma, contenuti e storytelling.

La vendita moderna ottiene successo quando l'azienda riesce a "connettersi" con il cliente. Quando viene offerta un'esperienza d'acquisto "unica" e di grande forza emotiva. Quando il cliente si sente parte stessa del prodotto che sta acquistando. Il futuro del marketing è estremo: non c'è bisogno di un prodotto che serve, ma di un prodotto "giusto", che piaccia, che stimoli un'emozione e che venga desiderato.

Nel marketing del futuro: passeremo dalla Comunicazione discontinua alla Comunicazione multicanale e costante, dalla cultura della pubblicità alla cultura del contenuto.

-------------------------

6 ESEMPI DI CONTENT MARKETING DI SUCCESSO

Esistono molte tipologie di "contenuti" che un'azienda può creare ed offrire ai propri clienti. Qui sotto vengono elencati i 6 tipi che ottengono mediamente più successo e che ogni azienda può produrre anche in autonomia (senza per forza utilizzare un'agenzia pubblicitaria).

1. Pagine web
Che differenza c'è tra una pagina-web normale e una pagina-web di content marketing?  La differenza sta appunto nei "contenuti" e non solo in quelli visibili. Non dobbiamo limitarci a fare schede-prodotto (con breve descrizione e foto), oltre a quelle è strategico creare pagine di approfondimenti relative e di contorno ad un prodotto. In questo modo l'utente, avrà una scelta multipla, limitarsi a vedere i dati del prodotto o passare agli approfondimenti su come è fatto, come si monta, dove poterlo installare, ecc. 

I contenuti "invisibili" si chiamano metatags, ovvero tutta quella parte di dati, parole-chiave, descrizione, ecc. che vengono inseriti all'interno del codice html della pagina e che fanno parte integrante dei tuoi contenuti. Grazie ai metatags e ad operazioni SEO, la tua pagina sarà più facilmente rintracciabile sui motori di ricerca e avrà una maggiore rilevanza agli occhi di Google. 

2. Infografiche e immagini
Le infografiche sono l'ultima frontiera del visual marketing. Sono immagini grafiche verticali (in stile strip) che utilizzando dati, statistiche, grafici e immagini riescono a riassumere concetti complessi che abitualmente venivano presentati in forma scritta (con più pagine) o diverse slide di Power Point. Se vuoi vedere alcuni esempi interessanti: 197 infographics on the topic of content marketing, by Micheal Schmitz.

L'unico problema delle infografiche è che per realizzarle serve abbastanza tempo, è anche per questo motivo che le aziende tendono ancora a preferire l'utilizzo di "immagini". Le immagini (fotografie o grafiche) sono evocative, rappresentative, immediate: fanno comprendere all'istante come è un prodotto, dove utilizzarlo, come utilizzarlo, quali vantaggi si hanno acquistandolo. E' anche per questo, che il social Pinterest sta avendo così tanto successo nel mondo. Grazie a fotografie ad hoc, un'azienda ha la possibilità di mettere in relazione il prodotto con il cliente (semplicemente stuzzicandogli l'appetito). Inoltre, le immagini sono facilmente condivisibili; sono al primo posto dei contenuti più condivisi. 

3. Podcast
L'audio è spesso poco considerato dai Marketers. Si predilige il visual marketing rispetto all'audio marketing. Ma il Podcasting è uno strumento molto efficace, basti pensare a quante volte ci rimangono in mente parole sentite nelle pubblicità televisive. Micheal Hyatt è l'autore del best-seller Platform: Get Noticed in a Noisy World e il suo file-audio This is Your Life ha toccato gli oltre 250.000 download mensili. Se dai qualcosa di gratuito, stai sicuro che lo prenderanno. La filosofia del Podcasting si basa un pò su questo. E' offrire dei contenuti di approfondimento (o correlati al prodotto che vuoi vendere) che l'utente ascolterà quando lo ritiene più opportuno, magari seduto comodamente a casa o in auto.

4. Video
Secondo gli addetti ai lavori, i video saranno i contenuti più importanti e utilizzati del prossimo futuro (entro il 2020). Vuoi un esempio di strategia video di successo? Gary Vaynerchuk è riuscito a diventare famoso puntando tutto sul proprio canale YouTube, creando video d'impatto, moderni nella forma ed emozionali.  

5. White paper/eBook/Brochure/Datasheet
La documentazione come White Paper, Brochure, Datasheet sono sicuramente il tipo di contenuto più facile da creare in ufficio (senza avere particolare conoscenza di software grafici). E' sufficiente conoscere Word o Publisher (entrambi Microsoft). Il consiglio: non limitarsi a creare solo Datasheet dei prodotti, ma creare documenti di vario tipo di approfondimento, ad esempio dei Pdf in cui vengono affrontate le diverse problematiche che i clienti riscontrano quando acquistano il tuo prodotto oppure dei documenti contenenti l'utilizzo del prodotto nei vari settori (Industria, Sanità, ecc.), con già presenti le risposte ai quesiti più comuni. Questi sono buoni punti di partenza per un ottimo rapporto di fiducia.

6. Presentazioni Power Point/KeyNote
E' vero che le immagini ed i video saranno sempre più determinanti nella comunicazione del futuro, ma è anche vero che le Presentazioni sono un ottimo strumento che unisce scrittura, immagini, video.

Nelle Presentazioni hai un infinito numero di slide a disposizione, puoi inserire grafici, statistiche, immagini, video. Inoltre, sfruttando la piattaforma SlideShare diventano elementi facilmente condivisibili su tutti i principali Social (Facebook, LinkedIn, Twitter, Google+), offrendoti anche le statistiche di lettura e di download.

-------------------------


PERCHE' USARE IL CONTENT MARKETING?

Il Content Marketing non sono semplici "contenuti" ma "Contenuti strategici". E' prioritario comprendere l'importanza del Content Marketing evitando di reputarla come "l'insieme dei contenuti di un Sito web". Non è così. Il Content Marketing si rivela strategico per 4 motivi principali:

1. Riconoscibilità/Visibilità
Grazie alla creazione di contenuti differenziati, pubblicati su più canali, che realmente interessano ai consumatori, il tuo Brand può incrementare sensibilmente la propria awareness (riconoscibilità). Anzi, il web può arrivare a decuplicare la riconoscibilità di un brand poco conosciuto nel solo giro di 1 anno.

2. SEO/Ricerca
I consumatori riusciranno a trovare più facilmente i tuoi documenti, brochure o presentazioni se nel momento in cui le pubblichi (sul tuo sito web o su una piattaforma come SlideShare, Google+, ecc.) ti preoccupi di ottimizzare ad hoc le informazioni e le descrizioni SEO + metatags.

Una volta che sai come fare, impieghi solo 5-7 minuti in più per inserire le descrizioni SEO + metatags, ma credimi: saranno i 5 minuti spesi meglio di tutta la tua carriera di Marketer!

3. Diversifica nella comparazione
Lo sappiamo bene, ormai tutti i consumatori prima di acquistare un prodotto, navigano sul web per fare una ricerca e confrontare i risultati. A questo punto, se hai pubblicato correttamente una quantità di "contenuti" sufficientemente alta, avrai maggiori possibilità che un utente intercetti i tuoi contenuti e che, facendo una comparazione con altre aziende, la sua scelta non tenga conto solo del prezzo, ma anche della qualità, dell'esperienza e della professionalità percepita grazie ai tuoi contenuti.

4. Credibilità online
Un consumatore che naviga per giorni cercando il prodotto che vuole acquistare e che intercetta spesso i tuoi "contenuti" (una volta un Pdf, altre volte dei Video, delle Presentazioni, poi legge dei tweet, poi vede dei post su LinkedIn, ecc.) finirà per creare inconsciamente un collegamento tra il tuo Brand e quel tipo di prodotti (considerando la tua azienda molto esperta). Forse non acquisterà da te oggi, ma è statisticamente molto probabile che lo faccia in futuro. Più contenuti di qualità offri ad utenti e clienti e più alta sarà la credibilità percepita del tuo Brand ai loro occhi.

Follow me on: Google+: +Simone Serni   
Twitter: MediaMktgIT
Facebook: MediaMktgItalia
LinkedIn: simoneserni
SlideShare: simsern 

Google+ LinkedIn

About Simone Serni

Fondatore di Social Media Marketing Italia svolge attività di docenza corsi e consulenza su: Digital Marketing, Brand Building, Motivazione, Leadership, Personal Branding.