Latest Posts:


Real-Time Marketing e Newsjacking



Negli ultimi tempi sentiamo parlare molto spesso di real-time marketing, ma anche di newsjacking. Non sono la stessa cosa, ma l'uno è padre dell'altro.

COSA SI INTENDE PER REAL-TIME MARKETING: è una tecnica meramente tattica con precisi obiettivi di business (brand building, pubblicità, vendita, ecc.) che sfrutta "l'immediato", per questo è particolarmente utilizzata in alcuni ambiti marketing: word-of-mouth (passaparola), social media, PR, customer care, eventi pianificati.

Il noto esperto di Social Vincenzo Cosenza sottolinea un elemento chiave del real-time marketing: si chiama real-time ma non per questo può essere improvvisato. "È facile intuire che il Real Time Marketing non si può improvvisare, ma richiede un approccio strategico, che comprende la definizione di procedure, la formazione di risorse e l’utilizzo di strumenti di Real Time Listening adatti a far emergere quelle informazioni che dovranno essere adeguatamente sfruttate" (Vincos).

COSA E' IL NEWSJACKING: sfruttare l’attenzione degli utenti su un determinato argomento o fenomeno (sociale, sportivo, politico, ecc.) di rilevanza per trarne vantaggio per la propria attività o il proprio brand. Il guru americano David Meerman Scott che ha insegnato al mondo come sfruttare il content e l'inbound marketing ha portato al successo anche questa nuova tecnica e la definisce così: “Il newsjacking è il processo attraverso il quale inserisci le tue idee o i tuoi punti di vista all’interno di breaking news, in tempo reale, al fine di generare copertura mediatica per te o la tua azienda”.

Per fare Newsjacking non servono grandi budget, ma tante idee e coraggio. Come per il "padre" real-time marketing anche per il newsjacking serve pianificazione. Possedere una strategia migliora i risultati e soprattutto giustifica tali azioni agli occhi dei vertici aziendali. Ma... come è facile intuire, il newsjacking ottiene spesso molto più successo se sfrutta accadimenti improvvisi e inattesi, quindi come comportarsi?

Pianificazione + Improvvisazione = Successo 

La tecnica del newsjacking è particolarmente vincente in occasione di "accadimenti mediatici rilevanti", per questo chi la utilizza con successo ha doti giornalistiche. Lo specialista deve rimanere aggiornato sulle notizie del momento, conoscere gli eventi rilevanti per il proprio brand, deve saper creare una storia (storytelling) sfruttando su misura il fenomeno in quel preciso momento di grande interesse o una moda passeggera (che sia il "Pulcino Pio", le "Olimpiadi" o che si parli della "pubblicità con George Clooney").


Da studi svolti sui cicli di ricerca su Google, si evince che, in concomitanza con accadimenti di grande clamore mediatico le ricerche aumentano vertiginosamente; questo accade anche su Twitter e in generale sui Social media con l'utilizzo degli # hashtag. Il newsjacking diverrà, sicuramente, una tecnica sempre più utilizzata e strategica, gestita in parallelo con Comunicazione Corporate, PR e Social Media Marketing.

LE 7 REGOLE D'ORO DEL NEWSJACKING

1) Cavalcare l'onda. Serve timing, ovvero saper scegliere il momento giusto, utilizzare la notizia giusta appena uscita e riconfezionarla ad hoc.
2) Pianificare la spontaneità. E' giusto attendere accadimenti straordinari, ma è ancora meglio pianificare l'uscita di notizie e post riguardanti eventi già in calendario, di cui conosciamo in anticipo i dettagli. 
3) Essere originali. E' l'elemento che più di tutti facilita il successo dell'operazione, più originali si è e maggiore appeal ottiene la nostra notizia.
4) Creare propri eventi. In mancanza di eventi altrui (affini al nostro settore di riferimento) può rivelarsi strategico inventare/creare notizie ed eventi ex-novo. E' sicuramente una tattica più dispendiosa ma sicuramente la più originale.
5) Onestà e pertinenza. Sfruttare eventi e accadimenti pubblici per veicolare un proprio messaggio pubblicitario è già un'azione considerata da molti "borderline", quindi, il consiglio migliore è quello di scegliere notizie o fenomeni sociali molto affini al proprio brand o almeno che offrano la possibilità di legami (ad es. gioco di parole, stesso nome-prodotto, stessa città, ecc.). Pertinenza e onestà sono regole d'oro anche nel giornalismo professionistico, non scordiamocele.
6) Utilizzare una Piattaforma. Blog, sito web, pagina Facebook, dove fai atterrare i tuoi contatti? Serve un luogo pianificato ad hoc per la tua strategia, dove inserisci i contenuti di approfondimento. Un luogo di "atterraggio" per i follower provenienti da Google+, Twitter, Facebook, ecc.
7) Prendersi cura del proprio pubblico. Chi ti segue lo fa perché ti considera credibile. Non perderlo, è una risorsa importante per il tuo brand. Curarlo significa mantenerlo aggiornato, magari invitarlo ad eventi, farlo entrare in liste o club ristretti, coccolarlo con promozioni elitarie o whitepaper di approfondimento. Solo così lo conquisterai, incrementando a dismisura la tua credibilità online e quella del tuo brand.

“Cover image and The 7 Golden Rules of Newsjacking adapted from NEWSJACKING by Grant Hunter and Jon Burkhart, published by Thames & Hudson Ltd, London © 2013 Grant Hunter and Jon Burkhart”.

Fonti di approfondimento:
Grant Hunter and Jon Burkhart: Newsjacking (book)
David Meerman Scott: Newsjacking
Lewis, free whitepaper: Newsjacking 

+simoneserni | Google+ #newsjacking #realtime #marketing #PR #socialmedia
Follow me on Twitter: MediaMktgIT

Google+ LinkedIn

About Simone Serni

Fondatore di Social Media Marketing Italia svolge attività di docenza corsi e consulenza su: Digital Marketing, Brand Building, Motivazione, Leadership, Personal Branding.