Latest Posts:


Social Marketing automation, cosa fare e cosa no su Twitter

Vuoi iniziare a fare marketing su Twitter? Benissimo. Ma ricorda questo: fare social marketing non è così semplice come molti raccontano. Serve dedizione. Dedizione. Tanto tempo. All'inizio serve un periodo di rodaggio dal quale nessuno può esimersi. Non è possibile diventare un mago dei social in soli 10 giorni, anche utilizzando i magnifici Tool che ci facilitano la vita.

E' vero che su Twitter ci sono già persone (anche italiane) che hanno oltre 5000 o 7000 follower senza aver utilizzato "trucchi strani". Ma sono in pochi e nei loro primi mesi o anni sicuramente la crescita era lenta. Tutto cambia oltre i 1000 follower, perché sei più visibile ed hai una rete di contatti-amici-follower allargata. E' come se, oltre i 1000-2000 follower la tua reputazione su Twitter aumentasse, ma ATTENTO, tutto questo NON è automatico... serve duro lavoro. Tweet giornalieri. Ricerca di articoli, cose da dire... soprattutto interessanti.

Ma allora, esiste un modo per fare social marketing su Twitter con "semplicità"?
Esistono delle regole? La risposta è sì!


Chi usa i social, soprattutto chi usa molto Twitter, segue le notizie che vede sul suo flusso "cronologie", aggiunge le persone che reputa interessanti, magari tweetta una notizia che ha letto sul giornale. Ma vorrebbe che anche gli altri leggessero le sue notizie, magari le retwittassero e fosse premiato con qualche "stellina" (preferiti). Perchè questo è difficile che accada?

Prima cosa: probabilmente tu non usi Twitter da 4 o 5 anni, ovviamente non puoi pensare di essere seguito da molte persone.

STRATEGIA 1: Crea una strategia dei Follower utilizzando la tattica del “Follow/Unfollow”
In un famoso articolo di Jeff Bullas, "How to build a targeted Twitter tribe of 100000" spiega bene quale tattica utilizzare.

Vuoi tanti follower? Seguili, retwitta le loro notizie, fatti vedere interessato e loro ti riseguiranno. Ma attenzione, in questo modo le persone passano mesi provando ad ottenere tanti follower... contattando i Leader di un argomento, cercando gli articoli interessanti, commentando, ecc. 

E cosa accade? Riuscirai ad ottenere al massimo 150 o 200 follower (dopo alcuni mesi).

A questo punto inizi ad aggiungere in modo impulsivo 100, 200, 300 contatti solo per vedere cosa accade, se questi ti aggiungono a loro volta. E' una strada. Ma funziona fino ad un certo punto. Prima di impazzire ed mettersi ad aggiungere a caso i contatti, forse è meglio fare le cose con strategia ed utilizzare alcuni Tool che ti possono aiutare, in modo del tutto corretto e pulito: esistono due interessanti tool SocialBro e Tweepi.

Entrambi ti consentono in modo intelligente di "selezionare liste di profili interessanti per te/per i tuoi temi" e seguirli tutti in un colpo solo. Magia.

Ma... come selezionare questi profili? Su Tweepi selezioni un Leader (come ad esempio Seth Godin per il Marketing, un politico famoso per i temi politici, ecc.) ed ottieni la lista dei suoi follower. Quindi, per prima cosa, devi selezionare oculatamente i "leader" di tuo interesse. 

SocialBro funziona un pò differente: puoi ricercare per hashtag e parole-chiave ed ottenere la lista delle persone in base a quell'oggetto. Da qui, puoi selezionare fino 20 account e seguirli tutti insieme, e fare così per altri.

Ricorda bene: Twitter ti permette di seguire fino a 2000 contatti, oltre questa cifra viene calcolato il rapporto che non deve essere maggiore al 10% tra  follower e following. Quindi, non dovrai esagerare con l'aggiunta massiva. Inoltre, se Twitter percepisce che stai aggiungendo masse elevate di persone in modalità tipo "spam" potresti essere bannato da Twitter stesso. Fai attenzione. Non aggiungere troppi contatti al giorno. Fallo gradatamente.

Detto questo, ora sei riuscito ad ottenere follower. Perfetto.
Ma i loro feed? I preferiti come fare ad ottenerli?

STRATEGIA 2: USA LE "LISTE" INVECE DEI "FEED"
Una volta che inizi a seguire centinaia di contatti, i tuoi feed (cronologie-notizie) diventeranno infiniti, caotici, talmente affollati da non riuscire più a seguirli e soprattutto selezionarli. Cosa fare?

Twitter ha una soluzione anche per questo. Puoi infatti creare delle LISTE dei tuoi contatti. In questo modo raggruppi i contatti e potrei visualizzare i loro feed suddivisi per temi e seguire meglio le notizie, che vorrai anche retwittare.

Se sei interessato, esiste un altro interessante tool: Tweetdeck che permette di gestire al meglio le Liste-following ed i vari stream-notizie a loro correlati.

STRATEGIA 3: TWEET AUTOMATICI
Molte persone ti diranno che l'invio dei tweet automatici sono una pratica sbagliata, perché impersonale forse. Ma ne sei convinto? Il mio punto di vista mi dice che: qualsiasi tweet è impersonale, solo una stretta di mano puoi chiamarla "personale". Quindi, perché non calendarizzare l'invio dei tuoi messaggi (tweet) attraverso l'uso di buoni strumenti?

Il risultato sarà uguale a quello che puoi ottenere inviando i tweet manualmente, ma sicuramente raggiungerai una maggiore platea e riuscirai ad inviare le tue notizie anche mentre sei in vacanza, guidi, mentre sei in riunione o stai parlando con un cliente. L'invio avverrà in automatico (come hai deciso tu, all'orario preciso, con o senza immagine in allegato, sei tu che pianifichi il tutto non solo per la settimana ma anche per i prossimi 3-4 mesi).

Cosa vuoi di più?
1) La pianificazione dell'invio automatico dei tuoi tweet è una soluzione perfetta, perché può raggiungere persone in orari nei quali tu non potresti mai metterti a scrivere (es. alle 6 di mattina o alle 10 mentre sei a lavoro).

2) Dovrai continuare a twittare manualmente le notizie che trovi online o negli articoli del tuo Blog o sito web, ma in più, avrai l'ausilio di un'invio automatico che ti sostituirà.

Anche per questa azione esistono dei tool interessanti: Buffer e SocialOomph.
Provali entrambi se hai tempo e vedi tu con quale ti trovi meglio. Se vuoi uno strumento più complesso scegli subito SocialOomph. L'interfaccia è un pò più articolata ma i tool interni ti consentono maggiori risultati con infinite automazioni.

Ricordati però: NON fare spam! Il tuo intervento su Twitter come sugli altri social non deve essere percepito dagli utenti come un'azione di spamming, altrimenti sia gli utenti che lo stesso Twitter potrebbe iniziare a vederti in malo modo.

STRATEGIA 4: INVIO DI MESSAGGI DIRETTI
Sì, puoi e devi utilizzare anche l'invio di messaggi diretti verso le singole persone. Senza l'utilizzo di questa 4a regola sarà difficile ottenere 3000/4000 o più follower. Devi interessare, dialogare con loro, renderli partecipi delle tue azioni, solo così li convincerai a collegarti a te.

Alcuni messaggi sbagliati, da evitare:
- "Grazie per essere diventato un mio follower, sono presente anche in Facebook (link)"
- "Grazie per il retweet"
- "Il tuo tweet è molto interessante"
- "Ti ho retweettato, ma guarda questo video qui/leggi questo mio articolo"

Questi sopra, non sono messaggi sbagliati a priori, ma sono "scontati", talmente generici che è forse meglio non utilizzarli. Sarebbe meglio scrivere un messaggio più "genuino", che faccia partecipare il follower e lo faciliti ad una risposta. In questo modo riuscirai a creare una relazione (se pur impersonale, almeno amicale).

Es. Grazie per avermi aggiunto/per seguirmi. Mi occupo di Marketing per lavoro, ma amo anche condividere articoli social per hobby. Se interessato, puoi seguimi sul mio blog (link). Ciao/Grazie

Il miglior modo di scrivere un messaggio è: dare una risposta a ciò che sta aspettando l'interlocutore. Dobbiamo essere interessati a rispondere ai messaggi, cercando il più possibile di cercare interazione (una risposta dell'altro).

Creare condivisione di idee e parole è il miglior modo per iniziare la lunga scalata della montagna, quella che ti porterà alla quota dei 5000 o 6000 follower.

Follow me on: Google+: +Simone Serni 
Twitter: MediaMktgIT
LinkedIn: simoneserni 
SlideShare: simsern 
#socialmedia #marketing #twitter #webstrategy

Google+ LinkedIn

About Simone Serni

Fondatore di Social Media Marketing Italia svolge attività di docenza corsi e consulenza su: Digital Marketing, Brand Building, Motivazione, Leadership, Personal Branding.