Latest Posts:


5 ragioni per scegliere Pinterest per la tua strategia Marketing

Hai mai pensato a Pinterest come a un importante social media? Pensi che sia più o meno importante di Twitter per il tuo business?

Proverò a farti cambiare opinione in 5 passi. 5 ragioni per scegliere Pinterest come un ottimo partner per il tuo business:

1) Pinterest è il secondo più potente portatore di traffico dopo Facebook
Secondo una ricerca fatta da Shareaholic su 250,000 utenti, essi hanno riconosciuto un incremento fino al 66.52% verso il loro sito grazie alle immagini inserite su Pinterest (dati riferiti ad 1 anno di analisi). Facebook di contro ha apportato un incremento fino al 58.8%, Twitter fino al 54.12% e YouTube al 52.86%. Tutti importanti ovvio! Ma...

... ciò che fa preferire Pinterest non sono i risultati in se stessi quanto invece la forza del suo marketing trasversale (cross a tutti i prodotti) che facilita la visualizzazione di qualsiasi tipo di prodotto, anche quelli che attraverso gli altri canali non verrebbero scelti (perchè hanno un nome meno accattivante, un costo troppo alto, ormai obsoleti). Pinterest ringiovanisce qualsiasi cosa, e la fa diventare cool! Alla moda.

2) Pinterest è un potente strumento di analisi del tuo mercato/target
Pinterest può servirti anche per capire meglio il tuo mercato di riferimento. Ti aiuta a identificare i trend, i flussi di scelta del momento (a volte causati semplicemente dall'uscita di un film o dall'utilizzo di un oggetto da parte di un attore o un giocatore famoso). Da dove riesci a vederlo? Dai flussi dei Pin e Repin, ovvio. 

Pensa, per esempio, che il 90% dei tuoi follower su Pinterest possono essere targetizzati su precisi interessi di cibo, viaggi e musica! Basta osservare le loro Board. E questo non ti sembra incredibile? Capire i tuoi clienti può portarti ad una crescita delle vendite che non penseresti mai!

Ma serve strategia, tempo, osservazione, categorizzazione. Inizia ad osservare chi ti segue.


3) Pinterest diffonde il tuo Brand
Grazie a Pinterest contatti migliaia di potenziali clienti al giorno, ma senza inviare newsletter, messaggi o pubblicità push. No, sono loro che inconsapevolmente scelgono le tue immagini, prodotti, scene. Questo ribalta completamente la psicologia della vendita. L'utente viene attratto da un'immagine, la inserisce in un suo Board. Nei giorni successivi ne vede altre simili, le inserisce nella stessa Board. Alla fine è curioso, vuol vedere se esiste una fonte e qual'è. Clicca l'immagine che porta al tuo sito: 1- impara a conoscere il brand  2- vede i contatti dell'azienda 3- naviga su altri prodotti e trova qualcosa che gli piace  4- forse lo compra
Questo è stato un processo di acquisto e non di vendita. L'utente cerca, trova. Nessuno lo guida/forza nell'acquisto. Come in un e-commerce? No, perchè lui ha le difese abbassate, è su un social.

Pinterest viene definito da alcuni addetti ai lavori "la quintessenza" delle PR online, perchè facilita la conoscenza e diffusione del brand.
Inoltre, la recente introduzione della possibilità di caricare video ha aperto le porte ad una nuova forma di promozione, più accattivante delle immagini statiche (ma avrà successo?).

4) Pinterest è un Network, non è eBay!
Se punti all'engagement, su Pinterest è essenziale evitare Pin/immagini di prodotti esclusivamente propri. Per creare interesse e farsi seguire è importante utilizzare anche immagini di altri utenti. Pinterest è un social network e non un Portale di ecommerce. Gli utenti vogliono come prima cosa "divertirsi" e "condividere", solo successivamente (anche) acquistare.

Pinterest saprà aiutarti a vendere tanto quanto più saprai far appassionare i tuoi follower al gioco dei Pin e alla bellezza delle tue immagini.

Grazie all'aggiunta dell'opzione dei Tag del prezzo (che puoi inserire sopra ad un'immagine) Pinterest ha dato vita ad una nuova forma di social, assomigliante molto a quella dei "mercatini rionali". L'utente in questo caso è consapevole del prezzo e di essere davanti ad un'offerta di vendita esplicita. Ma, anche in questo caso, lui sentirà di far parte di un social, e potrà scegliere quel prodotto, pinnarlo, indagare da quale sito proviene senza pensare troppo al fatto che sta diventando un "evangelizzatore" del tuo brand.

5) Pinterest offre benefici SEO importantissimi
Esiste un pò di confusione sul potere dei social sulla loro effettiva SEO. E sebbene Pinterest non dovrebbe mai essere erroneamente scambiato per uno strumento SEO, sono ormai divenute certezze quelle che fino a poco tempo fa erano solo ipotesi:
1- Pinterest facilita l'ottimizzazione di ricerca, SEO
2- Le tue immagini (del tuo sito) pinnate su Pinterest creano uno scambio link (backlinks), che Google può tenere in considerazione soprattutto se diventa un flusso, cioè ricondiviso da centinaia di utenti
3- Le tue descrizioni inserite sotto le immagini (in Pinterest) con anche l'ausilio di hashtag e keywords, facilitano la presenza sui risultati di ricerca su Pinterest e quindi altissime probabilità di RePin e diffusione in tutto il mondo.
4- Last but not least, gli spider di Google leggono e valutano le descrizioni che hai inserito sulle immagini presenti su Pinterest e in futuro chissà queste descrizioni potranno rivelarsi strategiche anche per le SERP. 

N.B. Pinterest non è certamente uno strumento SEO ma... non lo sottovalutiamo! Ecco perchè un ottimo Marketer NON dovrebbe mai far mancare Pinterest nella sua strategia social.

#pinterest #socialmedia #marketing
Follow me on: Google+: +Simone Serni   
Twitter: MediaMktgIT
Facebook: MediaMktgItalia
LinkedIn: simoneserni
SlideShare: simsern 

Google+ LinkedIn

About Simone Serni

Fondatore di Social Media Marketing Italia svolge attività di docenza corsi e consulenza su: Digital Marketing, Brand Building, Motivazione, Leadership, Personal Branding.