Latest Posts:


6 errori da evitare nel fare Content Marketing

I 6 ERRORI DA EVITARE nel #content #marketing
Se hai un sito o un blog , il tuo impegno è creare contenuti interessanti, fare #contentmarketing, gestire pagine sui #socialmedia, ottenere feedback dagli utenti e migliorare la #brandimage aziendale.

Il mondo delle imprese continua ad evolversi con l'era di Internet, molte aziende sono già sui social networks e il #contentmarketing e il #blogging sono diventati strategici per potenziare la propria presenza sul web proprio come la #seo strategy. Molte piccole imprese però stanno facendo un sacco di errori evitabili, e perdono spesso l'opportunità di ottenere il massimo da tutto l'impegno che ci mettono. 

Dobbiamo creare contenuti di qualità, ma richiede: molto tempo, un costo di realizzazione e a volte costi per la pubblicazione e pubblicizzarli.

Quindi, PERCHE' CONTINUARE A FARE SEMPRE GLI STESSI ERRORI?
BASTA! EVITIAMO QUESTI 6 ERRORI COMUNI, in fin dei conti non è difficile migliorarsi...  

# 1 . No Plan
Il primo e il più evidente problema di content marketing è *la totale mancanza di un piano (strategia)*. La maggior parte delle aziende, nel migliore dei casi,  hanno un piano a breve termine (pensare ai post della settimana, alle pagine da pubblicare sul sito, i prodotti da pubblicizzare).

Qual è la strategia di principale, quali le diverse strategie per aree di prodotto o di servizio? Qual è il valore aggiunto che offriamo con i nostri contenuti? Diamo direzioni giuste ai clienti nella comunicazione che offriamo? Viene fatto un monitoraggio relativo ai feedback dei contenuti offerti? Queste sono solo alcune domande, per iniziare. Il punto è quello di creare un piano che va al di là del valore dei contenuti, dalla macro-strategia alla micro (cosa comunicare, quando, su quale canale, dove direzionale i clienti attraverso i link, ecc.).

# 2 . Scopo sbagliato
Scrivere contenuti non vuol dire essere degli scrittori o scrivere argomento casuali. Sarà frustrante per il vostro lettore. L'obiettivo del content marketing è quello di diffondere una valida consulenza professionale su un argomento che riguarda la vostra attività. Pensate al vostro target. Chi leggerà i tuoi articoli? Chiedi a loro quali argomenti vorrebbero leggere. I tuoi lettori potrebbero diventare clienti solo se ti percepiranno come un esperto in quel preciso campo di attività.

Lo scopo non è quello di fare una rapida vendita. L'obiettivo è quello di creare valore ai tuoi prodotti e al nome della tua azienda. Questo può essere fatto semplicemente anche con una sezione FAQ sul sito, o un "how-to guide" per la risoluzione dei problemi, o una "chat" di customer service.

# 3 . Non professionale
Le aziende a volte dimenticano di assicurarsi che il content marketing significa "professionalità". I contenuti devono essere grammaticalmente corretti, chiari e graficamente accattivanti. Coinvolgenti e significativi per ciò che il cliente sta cercando.

# 4 . Social Media
I Social Media sono sicuramente una grande opportunità, ma se utilizzati erroneamente, possono far percepire ai clienti che siete:
- più piccoli di quello che volete far vedere
- meno professionali di quello che comunicate
- meno esperti di quello che dichiarate

Se decidete di utilizzare un Social Media dovete continuare a riempirlo di contenuti continuamente, tutti i giorni, altrimenti è meglio concentrarsi sul sito web. I contenuti, inoltre, devono essere diffusi in modo coerente attraverso i social media. Incoraggiare i lettori a condividere i contenuti con i pulsanti social sul sito o sui messaggi Twitter.

# 5 . Search Engine Optimization
Uno dei tanti motivi per impegnarsi nel marketing dei contenuti è quello di migliorare il posizionamento sui motori di ricerca #seo. Ma un problema comune è quello di NON utilizzare al meglio le tecniche SEO. Questo è un settore delicato. Meglio informarsi prima, avere un'idea di cosa serve e cosa si deve fare, anche prima di affidarsi a degli specialisti. Idealmente, si può avere un esperto di SEO coinvolto dall'inizio alla fine in modo da poter monitorare i progressi e adattare la campagna, ma è possibile imparare ad utilizzare gran parte degli strumenti free di Google, ecc.

# 6 . Risorse inutilizzate
Un altro errore comune è: non utilizzare al meglio le risorse aziendali a disposizione. E' importante saper incorporare i diversi punti di forza e le competenze già presenti in azienda. Ci sono dipendenti che utilizzano bene i social? Che realizzano e postano spesso video? Tenete traccia delle potenzialità che già possedete in aziendali.

Follow me on: Google+: +Simone Serni
Twitter: MediaMktgIT   |  LinkedIn: simoneserni
SlideShare: simsern

Versione inglese di Tara Hornor

Google+ LinkedIn

About Simone Serni

Fondatore di Social Media Marketing Italia svolge attività di docenza corsi e consulenza su: Digital Marketing, Brand Building, Motivazione, Leadership, Personal Branding.